Multicursor - Working In Background
Horror vacui ☯
(Promettimi che mi porterai a prendere il the, e le cioccolate calde, e che saliremo sulle linee dei pullman che non usa mai nessuno, solo per sentire l'odore dei posti vuoti. gli occhi verdi che sono le uniche cose in grado di riempire i miei vuoti che t'inglobano e m'inglobano. mare mosso.)

paolama:

vorrei essere
le tue dita

per le mille
volte al giorno

in cui inconsapevole
ti sfiori 

Stanotte hai visto quant’era bella la luna? Hai visto sbucarne un pezzetto dagli alberi, quando, dopo aver scavalcato i cancelli, ci siamo nascosti sui tappeti elastici del giardino pubblico? Io sì. E’ stato bello, pure se è durato poco. Avere il tuo fiato sul collo e abbracciarci alla sera, contare le stelle e parlare dei sogni. E’ stata bella persino la parte in cui ho pianto - piango sempre - e vorrei dirti più spesso cose romantiche, vorrei dedicarti più poesie. Smettere di scrivere su whatsapp e mandarti lettere d’amore, in cui ti chiedo “Stanotte hai visto quant’era bella la luna?”; e pure se t’arrivano di giorno tu rispondimi lo stesso. Dimmi sì, oppure no se ti va. Io comunque voglio che tu sappia sempre che dall’altra parte ti aspetto, stesa sull’erba di chissà quale nuovo giardinetto a contare le stelle, a misurare i tempi lunghi della notte. Da qualche parte dovrò pure correre a pensare le frasi d’effetto da scriverti. E non mi lamento se nel frattempo un signore affacciato alla finestra mi saluta, ed entra dentro a chiamare la polizia, il romanticismo è diventato fuori legge.

e c’era questa coppia meravigliosa, dentro questa chiesa credo ortodossa di non so esattamente quanti anni antica, che stava lì, seduta in una navata laterale silenziosa. madre lingua del silenzio. E niente, neppure si guardavano, neppure credo che si conoscessero o stessero lì insieme, magari era solo un caso pure che fossero seduti vicini. Ma mi ha colpito come, nonostante avessero sguardi rivolti l’uno in una direzione, e l’altra nell’opposta, sembrasse si cercassero.

e c’era questa coppia meravigliosa, dentro questa chiesa credo ortodossa di non so esattamente quanti anni antica, che stava lì, seduta in una navata laterale silenziosa. madre lingua del silenzio. E niente, neppure si guardavano, neppure credo che si conoscessero o stessero lì insieme, magari era solo un caso pure che fossero seduti vicini. Ma mi ha colpito come, nonostante avessero sguardi rivolti l’uno in una direzione, e l’altra nell’opposta, sembrasse si cercassero.

Anonimo : Mi consigli un film sentimentale da vedere? Grazie in anticipo.

non guardare film d’amore,vai fuori e innamorati che è più bello (e fa piangere uguale)

Anonimo : Non smette mai di piovere, piccola marea. Un passo dopo l'altro, allontanando te stessa e gli altri, raggiungerai una soluzione, ma non sarà quella definitiva.

dolorosamente criptico.

Ti propongo di far con i nostri corpi come le ventose con i finestrini delle auto.
E se ti va, pensavo, potremmo stringerci le schiene, l’uno dell’altro, con le braccia e le gambe, a comporre un mosaico di pelle. Così, se dovessi scivolarmi via, prometto di mantenerti con tutte le mie forze.

Anonimo : Ha smesso di piovere

dici che dovrei cambiare url?


camach0:

does anyone else suddenly feel insanely insecure when someone incredibly attractive looks you in the eye

01:36

io sono quegli insettini ciechi che volano costantemente verso le luci, e tu la mia lampadina da parecchi volt. E quando non ci sei, divento stupida e inizio a sbattere contro tutti i muri e finisce che mi si rompono le ali. 

- ho bisogno che qualcuno mi parli. -

impacchetto il niente della mia vita e vado da nessuna parte.

impacchetto il niente della mia vita e vado da nessuna parte.

Ma credi sul serio che per amare ci sia bisogno di sapere come si ama?

Luigi Pirandello. (via nonsorridermipiutiprego)

rompi gli schemi e ripara me
»